unisa ITA  unisa ENG


S.I.Ma.S.

L'idea S.I.MA.S.

L'innovazione tecnologica è certamente uno dei fattori determinanti lo sviluppo competitivo delle aziende, sia settore nel pubblico che nel privato. La ricerca e sviluppo, infatti, risultano propedeutiche a comportamenti manageriali sostenibili e capaci di imprimente slancio competitivo ed un carattere distintivo agli attori socio-economici.
Nelle imprese private l'innovazione tecnologica stimola il perseguimento di sistemi e modelli di governance in grado di percepire con tempismo la corretta dinamica di comportamento nell'agone competitivo.

 

Nel settore pubblico, ed in particolare nel management sanitario, l'innovazione tecnologica, la Ricerca e Sviluppo risulta fondamentale da un lato per concretizzare l'avanzamento scientifico promosso da scienziati e ricercatori nei diversi campi del sapere, dall'altro per favorire il perseguimento di best practices necessarie alla gestione illuminata della sanità.
Nel panorama delineato appare interessante, a supporto dell'Innovazione Tecnologica e nel Management Sanitario, la creazione di un Centro di Ricerca rivolto alla ricerca scientifica, allo sviluppo tecnologico nonché all'alta formazione, da inquadrare nell'ambito del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Salerno e del Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali (Management and Information Technology).

 

Negli ultimi anni...

il crescente dinamismo dei processi evolutivi caratterizzanti l'ambiente in cui operano le imprese (soprattutto in Italia) ha fatto assumere per l'innovazione tecnologica e per il cambiamento in generale un'importanza basilare in numerose discipline e scienze socio-economiche. La consapevolezza dell'innovazione come uno dei principali motori dello sviluppo e dell'occupazione ha condotto infatti diversi attori regionali, istituzionali e non, ad intraprendere la via della promozione dell'innovazione, intesa nella sua più ampia accezione: innovazione tecnologica di prodotto, di processo, organizzativa, di mercato, gestionale, amministrativa, formativa, di sistema. Tuttavia, in mancanza di un idoneo piano regolatore generale, una pluralità di valide azioni, tutte orientate in direzioni di per sé coerenti ed efficaci, ha sofferto in ambito locale di carenze soprattutto gestionali e di coordinamento. Nell'analisi dello status quo, sono stati riscontrati numerosi indizi di uno squilibrio nella struttura e nell'organizzazione del sistema scientifico e tecnologico regionale che impediscono (soprattutto in ottica comunitaria ed internazionale) un pieno sfruttamento del potenziale dei soggetti e delle risorse di cui il territorio dispone e che palesano considerevoli difficoltà nel relazionarsi con il sistema produttivo, complicando non poco l'opera di trasformazione dell'attività di creazione di conoscenze in nuove fonti di ricchezza economica. La particolarità campana risiede in alcuni specifici aspetti del sistema innovativo, relativi a un'offerta di R&S molto qualificata e quantitativamente consistente, una domanda di R&S settoriale e non in grado di migliorare sufficientemente la competitività del tessuto produttivo, una crescita del livello di competenze innovative a carattere prevalentemente settoriale e rivolta principalmente agli ambiti ICT, una forte dipendenza dai finanziamenti pubblici delle attività di R&S, una criticità strutturale di matching tra le esigenze del tessuto produttivo e l'offerta di R&S da parte delle università e dei centri tecnologici.

 

Analizzati gli obiettivi di Lisbona, tesi a far diventare l'Europa entro il 2010 <<l'economia più competitiva al mondo, basata sulla conoscenza, capace di una crescita economica sostenibile, con più numerosi e migliori posti di lavoro ed una maggiore coesione sociale>>, la Campania ed in particolare la provincia di Salerno potrebbero rappresentare, se opportunamente supportata, una delle regioni trainanti nel miglioramento della performance nazionale, e riuscire finalmente a valorizzare lo straordinario sistema territoriale di produttori di conoscenze e di aggregatori di competenze per l'innovazione che la caratterizza, costituito da una fitta e riconosciuta rete di eccellenze nella ricerca pubblica e nelle Università, una corposa presenza di segmenti del terziario ad alta qualità, una forte organizzazione di Agenzie e di soggetti intermedi a sostegno della promozione di politiche per l'innovazione, ed un nucleo significativo di grandi imprese. Al fine di supportare adeguatamente tale situazione, comune anche a numerosi altri contesti, è stata considerata indispensabile un'azione volta al coordinamento, alla governance delle iniziative innovative ed alla gestione della ricerca e dello sviluppo tecnologico, finalizzata a sostenere il territorio nel fronteggiare le difficoltà insite nei processi di cambiamento. Da qui l'idea di un Centro di ricerca sull'Innovazione, indirizzato non solo all'osservazione dei vari fenomeni nei settori industriali e del terziario, ma altresì investito di un ruolo manageriale ed organizzativo all'interno di un campo così sensibile come quello della ricerca e sviluppo, e strutturato in modo da poter favorire e promuovere l'opera di diffusione dell'innovazione stessa. Un'idea sottesa alla volontà di realizzare un'azione duratura, non vincolata a limiti temporali o convenzionali, da sviluppare in un'ottica di piena sostenibilità.

 

Il modello di Centro...

ha quale obiettivo quello di analizzare sistemi innovativi aziendali validi in generale, ed in particolare utili a stimolare un comportamento sostenibile e competitivo delle aziende sanitarie, pubbliche e private, fornendo così anche diffusi benefici a livello sociale nel contesto di riferimento.
La Regione Campania, ma più in generale le regioni del Mezzogiorno e l'Italia tutta, necessitano infatti di azioni di ricerca ed innovazione tecnologica finalizzati alla identificazione di nuovi modelli e sistemi di governance in grado di imprimere uno sviluppo economicamente sostenibile e garante dei livelli qualitativi dei servizi.
E' in questo quadro di riferimento che si inquadra il Centro di Ricerca Sistemi per l'Innovazione e Management Sanitario - S.I.Ma.S., che sin dalla istituzione vanta collegamenti e protocolli di collaborazione con altri Centri di ricerca pubblici e privati.